Sulle orme di Gaber

Giorgio Gaber

“Sai quanto gli importava a Giorgio Gaber, dei soldi? Praticamente zero! Ne aveva già a sufficienza e non aveva neanche tutte queste grandi esigenze, gli bastavano, una chitarra, quattro amici fidati e un po’ di cose ordinarie, quelle quotidiane. Gli serviva invece il teatro, e gli serviva perché era la scusa per incontrare, per parlare, per vedere, per ragionarci sopra, per pensare, per poter fare qualcosa, per pensare di poter fare qualcosa, per limitare la scomparsa del pensiero”  (Tratto da Scaglie di cioccolata fondente di Domenico Monteleone)

Sulle orme di Giorgio Gaber inseguiamo il sogno di un sognatore, i passi di uno degli artisti più importanti del secolo scorso. A Gaber non serviva altro, se non un luogo in cui ricreare continuamente sé stesso insieme agli altri, un luogo dove essere liberi. Il nostro sogno vive lì, sulle orme di Gaber, continuando a tracciare quel sentiero per costruire uno spazio che sia di tutti e di nessuno, capace di fondere i due spettri del sogno e della realtà.

Questo è il nostro faro, questo cercheremo di regalarvi al Teatro Gaber!