Tag: domenico monteleone

Tris d’Autore

Presentazione editoriale

Tre autori, tre manoscritti…………………………..

Una raccolta di racconti con un tema comune: il Tempo, ma non quello misurabile, inesistente e inventato dall’uomo, bensì quello vero, relativo, che si dirama in mille tempi paralleli, vissuti contemporaneamente in luoghi diversi, spazi diversi, menti diverse. Le storie narrate sono un gioco di fili dello spirito che raramente si intrecciano, distanze invisibili, storie che a volte emozionano, a volte commuovono, a volte strappano un sorriso. Tutte, però, suscitano una reazione intellettuale: fanno riflettere, riflettere sul destino. Umano e non solo.

Daniela Molina ha scritto i romanzi Kirma (Arca edizioni, 2003), Cara Agenda (Aletti editore, 2004), La Mossa del diavolo (Aletti editore, 2006), Stelle d’estate (Sovera edizioni, 2006), il manuale Diventare Giornalisti (Irideventi edizioni, 2014) e ha curato, tra le altre, le raccolte Momenti di Poesia (2010), Fiabe e leggende dai 5 Continenti (2012), La gente di Pasolini (2010). Già consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti, collabora come giornalista con il periodico Il Salvagente e dirige il giornale online Donna in Affari. E’ autrice e regista di documentari e programmi televisivi (tra gli altri Prisma Pasolini e la serie BlueRoad) ed è socia fondatrice della Euro Media Productions, società di produzione di contenuti multimediali e programmi per la tv.

 

É un racconto di storie antiche, di mondi chiusi, di superstizioni e altre diavolerie. Sesso, peccati e ambiguità per una narrazione a tratti di denuncia, a tratti carica di sarcasmo. Un libro scritto con quello stile ironico e distaccato tipico degli autori del Sud, che diverte e fa pensare.
Le cronache enotrie sono intessute tra le pieghe della storia di Sabbetta, una donna dell’entroterra calabrese che scopre di avere degli strani poteri, come quello di parlare con i morti. Sabbetta diventa ricca per opera del diavolo ma nasconde una saggezza antica e una generosità insospettabile anche agli occhi di Satana. Lei sa di tutti perchè tutti si confidano con lei, così raccoglie e custodisce segreti, di vivi e di morti. Ma il diavolo l’attende ai piedi del suo letto funebre vestito da brigante, ladro d’anime in un piccolo mondo che non conosce il fluire del tempo, dove albergano l’invidia, la cattiveria, la superbia, ma anche la pietà e l’amore. Un mondo probabilmente fuori dalla storia.

Pino Vitaliano è docente di filosofia e storia. Ha già pubblicato i romanzi “I ricordi di un ulisside” (Editrice Montecovello, 2016) e “Il paese dei pazzi. Tra miti e leggende del suo popolo antico” (Editrice Montecovello, 2017).

 

L‘unica novità possibile è che ognuno di noi – avendo compreso il meccanismo di questo infernale orologio – decida di non più partecipare. Anzi, decida di percorrere una strada diversa, una strada molto pericolosa secondo i paradigmi del pensiero unico, una strada che – in realtà – fa tremare i polsi, una strada che è lastricata di pericoli ma anche di emozione, di condivisione. Si, la strada della condivisione, perché là fuori c’è un numero esagerato di persone che vorrebbe essere felice, che addirittura non sa che ci può essere una vita migliore al di fuori di questo sistema, che ci può essere una vita migliore al di fuori dei canoni che ci sono stati imposti senza domanda, senza consenso, con la forza della diabolica persuasione occulta. Là fuori ci sono milioni di persone che meriterebbero di vivere una vita migliore, che potrebbero vivere una vita decisamente migliore, che meriterebbero i palpiti del cuore, che meriterebbero amore a prescindere, che meriterebbero per il solo fatto di esistere, che meriterebbero una vita direi più normale, una vita dove l’obiettivo massimo dovrebbe essere quello di rincorrere le emozioni, di ricercare il gusto della trasparenza, di inseguire il piacere della scoperta, la natura autentica dell’uomo, la vicinanza, l’amicizia, l’abbraccio.

Domenico Monteleone si forma tra il Liceo Scientifico “Michele Guerrisi” di Cittanova e la Parrocchia di Jatrinoli. Da Obiettore di Coscienza, svolge il Servizio Civile presso il “Don Orione” di Ercolano (NA). Si Laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con una Tesi sugli “Enti Centrali della Chiesa Cattolica”. Intraprende, sin da subito, la Carriera Forense presso il Foro di Roma ed oggi è Cassazionista. È Fondatore e Presidente del Roma Art Meeting ed è alla sua prima pubblicazione.

La quota di partecipazione comprende un libro a scelta di quelli presentati e light dinner per ospiti ed autori

EVENTO A POSTI LIMITATI TASSATIVA ISCRIZIONE AL LINK DEDICATO    QUI

  • Responsabile segreteria org.  Sig.ra Alessandra tel. 351 500 38 94

Edizione Roma Art Meeting 2018

L’Edizione 2018 parte il 23 febbraio per concludersi domenica 4 marzo, il giorno delle elezioni nazionali.

E non è un caso poichè il titolo della Manifestazione di quest’anno è molto indicativo: ‘Ci chiedono per chi votare’.

Diciannove Talk Show sul palco di un Teatro in fase di restauro nel quartiere di Monteverde a Roma, un teatro che sta per rinascere, un cantiere che è la metafora del cantiere delle idee che il Meeting propne quest’anno.

A condurre gli incontri – che saranno visibili integralmente sui Canali YouTube del Meeting – la giornalista Federica Gubinelli, il prof. Davide Toffoli e, new entry, la giovane Athena Raco.

Gli ospiti protagonisti dei colloqui si confronteranno sui temi proposti e che vanno dalla riforma del processo civile, al canto lirico, dal Debito Pubblico alla piaga degli incendi, dal processo penale all’immigrazione, al voto, alla politica. L’Edizione parte con una novità che consiste in una due giorni dove otto scrittori emergenti si sottoporranno ad una full immersion a Rocca Casalina, in una splendida location di proprietà del Gruppo JakTravel, all’esito della quale la Casa Editrice ‘Il Seme Bianco’, partner del Meeting, pubblicherà gli otti testi usciti da una rigida selezione.

Editor d’eccezione saranno il Poeta Michele Caccamo (Resposnsabile per la Casa Editrice Castelvecchi) e lo scrittore Andrea Carraro.

I nomi degli scrittori emergenti saranno resi noti nei prossimi giorni.

Protagonisti dei Talk Show – che saranno sottolineate dalle incursioni del pianista Aurelio Marco Raco – saranno Emanuela Tesei (scrittrice e mezierista), Pino Vitaliano (scrittore e docente di filosofia), Nicola Arena (esperto auritiano), l’on.Claudia Mannino (architetto ed esperta di ecologia), il prof. Giuseppe Lavigna (docente e avvocato), Laura Baisi (grafologa), Nadia Gentilini (scrittrice e attivista per i diritti umani), M° Stefano VAGNOLI (maestro di danza), Rosaria Buscia (Dirigente della polizia di Roma Capitale), Domenico Monteleone (avvocato e scrittore), Stefano Sarcinelli (attore e autore televisivo), Michele Caccamo (scrittore, poeta e editore), Luciano Marranghello (avvocato e politico), M° Nunzia DURANTE (soprano e insegnante di canto), Mimmo Raco (autore e scrittore).

L’Avv. Domenico Monteleone nelle mattinate andrà nelle scuole di Roma a parlare – attraverso il suo libro ‘Scaglie di cioccolata fondente’ (Ed. Castelvecchi) – con i ragazzi di diritto, di sociale, di Costituzione, di politica, di vita.

Domenica 4 marzo il Gala conclusivo che inizierà alle 16:00, sempre nel Teatro-cantiere, all’interno del quale – dopo il momento auritiano (dedicato al Perof. Giacinto Auriti) – lo spettacolo il “Raccontautore” con Domenico Monteleone, Nunzia Durante ed il pianista Alessandro Massa.

Finale con la consegna del premio alla Memoria del Prof. Giacinto Auriti e, soprattutto, del Premio Roma Art Meeting Colosseum 2018.

Il personaggio che succederà a Nicola Gratteri (premiato nel 2014), a Ferdinando Imposimato (premiato nel 2015), a Alberto Bagnai (2016) ed a Dalila Nesci (premiata nel 2107) è l’attore Giuseppe Zeno.

Il Raccontautore – il libro a teatro

Al centro dell’evento teatrale conclusivo di domenica 4 marzo, l’opera di Domenico Monteleone, «Scaglie di cioccolata fondente –
smisurati ritorni» (edito da Il Seme Bianco – Castelvecchi), nella quale si affrontano i diversi temi della drammatica attualità di questo inizio di secolo, ma lo si fa con ironia, con garbo, attraverso il ragionamento.

Dal Debito Pubblico all’Amore, dall’Immigrazione al mistero della Morte, dal Folklore popolare ai grandi Personaggi del presente e del passato come Ferdinando Imposimato, Nicola Gratteri e Giorgio Gaber.

«L’obiettivo del libro – afferma l’autore, Domenico Monteleone – è quello di viaggiare insieme agli spettatori nelle continue oscillazioni del pendolo della vita, che svaria a tutto campo in questi “infiniti ritorni”, così come recita il sottotitolo del libro. Per un nuovo modo di coniugare tutti gli aspetti della Vita in un solo momento che non è solo letteratura e scrittura ma vuole essere anche pensiero che diventa Educazione Civica, Politica, Sociale».

Per acquistare il biglietto nominativo sarà sufficiente effettuare l’iscrizione annuale all’associazione per avere diritto all’ingresso allo spettacolo.

Clicca qui e segui le indicazioni 

 

Il Raccontautore a Cassano sullo Jonio – Palazzo Viafora 28 agosto 2017

Nello splendido scenario del giardino dello storico Palazzo Viafora, sarà presentato lunedì 28 agosto “Scaglie di cioccolata fondente, smisurati ritorni”, la fatica letteraria di Domenico Monteleone che, svestita la toga di uomo di legge, con questo libro ha assunto il ruolo di filosofo e osservatore della nostra attualità. Nel suo libro edito da Il seme bianco, in collaborazione con la Castelvecchii Editore, l’Avvocato calabrese, già noto anche per aver assunto la difesa degli attivisti del Movimento Cinque Stelle di Palermo nell’inchiesta sulle firme scatenata dalla nota trasmissione televisiva Le Iene, racconta di un paese immaginario nel quale convivono, divenendo legge, le varie esperienze positive e negative incontrate nel corso della sua vita, dal debito pubblico all’amore, dall’immigrazione al mistero della morte, dal folklore popolare ai grandi personaggi del presente e del passato come Ferdinando Imposimato, Nicola Gratteri e Giorgio Gaber.

L’evento, patrocinato dall’ Associazione Culturale Palazzo Viafora di Cassano Allo Ionio e dall’Associazione Culturale Nòstos e Alvolonews.it di Cosenza, precede una messa in scena con cui sarà presentata l’opera di Monteleone con la partecipazione del soprano Nunzia Durante la quale, accompagnata al piano dal Maestro Alessandro Massa, eseguirà alcune arie del grande repertorio napoletano e canzoni inedite, in una calda atmosfera ricreata dalle immagini ed i video che accompagnano tutto l’excursus dello show.

Introduce e conclude Anna Maria Schifino , autrice/ redattirce della rubrica Cucina di Alvolonews.it . «L’obiettivo del libro coniugato in spettacolo teatrale – afferma l’autore, Domenico Monteleone – è quello di viaggiare insieme agli spettatori nelle continue oscillazioni del pendolo della vita, che svaria a tutto campo in questi “infiniti ritorni”, così come recita il sottotitolo del libro. Per un nuovo modo di coniugare tutte le arti in un solo momento che non è solo spettacolo ma vuole essere anche pensiero».

Ad arricchire la serata ci saranno alcuni abiti del gruppo delle Nobil Dame, gli abiti in stile rinascimentale elaborati dalla fantasia della costumista Maria Antonia Bevilacqua che con l’utilizzo di stoffe pregiate ha dato vita a numerose creazioni che richiamano l’epoca vittoriana e rinascimentale. Gli abiti della Bevilacqua saranno indossati da alcune modelle che ridaranno vita ad alcuni angoli del Palazzo, ricreando così nella fantasia dei visitatori, le scene vissute nel Palazzo nei secoli passati.

L’appuntamento dunque è confermato per lunedì 28 agosto dalle ore 21.00 in poi a Palazzo Viafora, nel centro storico di Cassano Ionio.

fonte